Chief digital officer perché è importante per i liberi professionisti

Chief digital officer perché è importante per i liberi professionisti

Chief Digital Officer perché è importante per i liberi professionisti e non solo per le aziende?

Perché la trasformazione digitale investe tutti i settori e i liberi professionisti sono quelli che ne risentiranno di più ed in modo ancora più forte rispetto alle aziende.

Andiamo a vedere perché gli Chief Digital Officer sono importanti per i liberi professionisti

Gli Chief Digital Officer sono professionisti che cavalcano l’onda dell’innovazione e hanno il compito di traghettare le aziende verso un nuovo equilibrio, una nuova competitività, verso nuovi mercati, grazie proprio al digitale.

Il cambiamento è nell’aria. Le aziende di tutte le dimensioni stanno abbracciando la necessità della trasformazione digitale e il Covid si è dimostrato un fattore di accelerazione di una trasformazione che era già in atto.

Il Chief Digital Officer (CDO) non è una figura stabile all’interno di un’azienda, ma una figura transitoria, un temporary manager che ha l’obiettivo di supportare l’azienda in questa fase e poi lasciarla andare verso il nuovo mare delle opportunità.

Questa è la sua missione: trasformare l’azienda.

Perché è importante per i liberi professionisti?

L’obiettivo di un CDO è quello di rispondere alle esigenze che nascono dalla trasformazione digitale, portare il cambiamento, cambiare visione.

Il libero professionista si relaziona con le aziende, anzi, possiamo dire che è una figura fondamentale dell’ecosistema aziendale.

Bene, e se questa azienda cambia prospettiva grazie al CDO, ha scoperto nuove opportunità, ha appreso nuovi codici, una nuova cultura. Come farà il libero professionista a relazionarsi con un cliente uguale nel nome, ma diverso nella sostanza?

Il problema inoltre è di sistema, proprio le aziende hanno delle disponibilità in termini di budget, risorse, politiche nazionali, possibilità ampie di mercato, possono decidere di penetrare nel mercato di un altro paese, con una strategia diversa.

Ed invece il libero professionista come vive la trasformazione digitale?

Torniamo quindi all’inizio del nostro articolo, non è mia volontà fare terrorismo inutile, ma credo, realmente, che il libero professionista ha la necessità di cavalcare l’onda della trasformazione digitale e quindi per lui il supporto del CDO è fondamentale, ma soprattutto può diventare una nuova occasione. Con un nuovo approccio al digitale, il libero professionista può diventare un ingranaggio fondamentale all’interno del cambiamento dei suoi clienti.

Immaginate un professionista che è promotore di una nuova visione e comprende appieno le nuove necessità del suo cliente. Un vantaggio enorme: per il cliente e per il professionista.

Andrea Bonetti

Dettagli Andrea Bonetti

Primitivo digitale, ha rifiutato per anni la tecnologia per poi innamorarsi della comunicazione, dei processi, dell’innovazione e del digital.

Leggi anche questi articoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *