Una regola per la trasformazione digitale? Non usare il digitale

Una regola per la trasformazione digitale? Non usare il digitale

Titolo interessante ed impegnativo per chi si propone di parlare di trasformazione digitale per liberi professionisti.
Andrebbe meglio se nella parte finale del titolo inserissi la locuzione “ senza regole”?

E già. Usare il digitale senza regole significa fare una scelta ben precisa: non essere più tu il padrone e passare lo scettro del comando della tua vita alla tecnologia digitale.

Dovremmo invece cambiare paradigma e pensare al digitale come il nostro servo piuttosto che come il nostro padrone.
Del resto la tecnologia digitale è stata creata proprio per aiutarci e non per ostacolarci. Il suo scopo è renderci la vita più agevole e facile.

Ed invece, spesso, la sensazione che proviamo è esattamente quella opposta.

Soprattutto a fine giornata, ci sembra che, nonostante l’utilizzo continuo (o forse, proprio per l’utilizzo continuo) di strumenti nati per facilitarci la vita, sembra che ci sia sempre più complessità, confusione e stress.

“Che mi vuoi dire? Che dobbiamo bandire la tecnologia digitale dalla nostra vita?” – potresti chiedermi in modo allarmato.

No. Certo che no. Siamo figli del nostro tempo e, come tali, abbiamo l’onore e l’onere di vivere a pieno tutto quello che il nostro tempo ci offre. E poi, bandire la tecnologia, sarebbe molto più dannoso.

E allora, quale può essere una soluzione?

Ti condivido il pensiero di un mio mentore:
“Per fare le cose di alto valore, bisogna evitare – in alcuni momenti specifici della giornata, aggiungo io – di fare le cose di basso valore”.

Seguendo tale principio, una buona regola, per rendere la trasformazione digitale della professione utile ad un reale miglioramento della vita in generale, è fare in modo che la tecnologia digitale sia bandita in alcuni momenti specifici della giornata (per l’appunto).

Che vuol dire bandire la tecnologia digitale in alcuni momenti specifici della giornata?

Eccoti la risposta.

Facendo leva sul nostro orgoglio di razza dominante, dobbiamo resistere al incontrollato senso di urgenza nel mettere in funzione, appena svegli, tutti gli apparati digitali di comunicazione (radio, tv e, soprattutto, smartphone).

Puntualizzo: non ti sto incentivando al non utilizzo perpetuo di tali strumenti digitali.
L’esercizio utile è quello di tenerli spenti fino a quando non avrai pianificato il loro uso durante la giornata.

Facciamo un esercizio pratico, così da concretizzare e testare tutto ciò.

Rispondi a queste due domande:

  • se nella giornata di domani potessi utilizzare solo due strumenti digitali, quali sceglierei di utilizzare?
  • se durante tutta la giornata potessi utilizzare i due strumenti scelti solo in due determinate fasce orarie di un’ora ciascuna, quando sceglieresti di utilizzarli?

Condividi domande e/o riflessioni sulle risposte che hai dato alle domande.
Scrivi nei commenti all’articolo compilando il form sottostante oppure lascia un commento nel canale Telegram, dove troverai altri spunti pratici anche su questo argomento.
Per unirti al canale Telegram clicca qui.
Shaka!

Claudio Nappo

Dettagli Claudio Nappo

Avvocato Giuslavorista appassionato di sviluppo personale e di digitale. Con una tendenza - sempre più evidente e preponderante - alla praticità e al digitale per rendere effettivi i vantaggi di un approccio aperto e sistematizzato e semplificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *